Thursday, March 13, 2014 5:43:00 PM

Con l’entrata in vigore, il prossimo 27 marzo, della legge 11 marzo 2014, n.14, pubblicata sulla G.U. n.59 del 12 marzo 2014, cominciano a decorrere i dodici mesi assegnati al Governo per attuare le misure intese a rendere il  sistema  fiscale  più  equo, trasparente e orientato alla crescita.  Agli emanandi decreti legislativi è affidata la riforma del catasto, l’individuazione di  linee di intervento e di  prevenzione  contro la diffusione del  fenomeno  dell'evasione  fiscale  e  contributiva, la revisione delle disposizioni sull’abuso del diritto e degli interpelli, la rateazione dei debiti tributari ed altro. 

Con i suddetti decreti legislativi il Governo dovrà, altresì,  provvedere alla revisione  sistematica  dei  regimi  fiscali  e  al  loro riordino, alla revisione degli adempimenti eliminando quelli superflui, alla revisione delle funzioni  dei sostituti d'imposta e di  dichiarazione e dei  centri  di  assistenza fiscale.

Anche il regime sanzionatorio dovressere completamente rivisto, secondo principi di  proporzionalità e di effettiva gravità dei comportamenti.

.Dovrebbe essere altresì, rafforzato  l'istituto   della conciliazione nel processo tributario, anche a fini di deflazione del contenzioso e di coordinamento con la disciplina del  contraddittorio fra il contribuente e l'amministrazione nelle fasi amministrative  di accertamento del tributo, con particolare  riguardo  ai  contribuenti nei  confronti  dei  quali  sono  configurate  violazioni  di  minore entità.

Un grosso impegno, quindi,l Governo, stante l’ampiezza della delega, speriamo che la sua attuazione porti ad un effettivo  ammodernamento del sistema ed alla sua semplificazioe

Il copyright degli articoli è libero. Chiunque può riprodurli, purché non a scopo di lucro e sempre che metta in evidenza che il testo riprodotto è tratto da www.gheido.it