Wednesday, April 02, 2014 8:22:00 AM
 Il nuovo articolo 25-bis del DPR 14 novembre 2002, n. 313, aggiunto dall'articolo 2 del D.lgs.n.39 del 4 marzo 2014, dispone l'obbligo  del datore di lavoro di richiedere il certificato  penale del casellario giudiziale di cui all’articolo 25 del Dpr 313/2002 quando intenda impiegare al lavoro una persona per lo svolgimento di attività professionali o
attività volontarie organizzate che comportino contatti diretti e regolari con minori, al fine di verificare l’esistenza di condanne per taluno dei reati di cui agli articoli 600-bis, 600-ter, 600-quater, 600-quinquies e 609-undecies del codice penale, ovvero l’irrogazione di sanzioni interdittive  all’esercizio di attività che comportino contatti diretti e regolari con minori.  Il datore di lavoro che non adempie all’obbligo di cui all’articolo 25-bis del decreto del Presidente
della Repubblica 14 novembre, n. 313, è soggetto alla sanzione amministrativa pecuniaria del pagamento di una somma da euro 10.000,00 a euro 15.000,00. La nuova disposizione entra in vigore il 6 aprile 2014 e, per la terminologia utilizzata richiede chiarimenti urgenti.
Il copyright degli articoli è libero. Chiunque può riprodurli, purché non a scopo di lucro e sempre che metta in evidenza che il testo riprodotto è tratto da www.gheido.it